Martedì, 13 Settembre 2022 20:20

Marketing, spiegato semplice

Questo articolo sorprenderà chi mi conosce. Ho un'anima tecnica, le mie conoscenze di marketing sono quelle base di chi ha fatto tanti corsi, ha avuto una sua azienda e cerca di applicarle anche alla libera professione. Non ho velleità di insegnare una materia che non mi appartiene. Però, quando vedo "UNO BRAVO", eh sì, lo riconosco!

 

cornetto amarena e crema  caffè e sfogliata frolla  tazzina di caffè 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LEZIONI DI MARKETING
ovvero
come un caffè insegna
ovvero
come Gennaro asfalta Amazon

Sant’Anastasia è un paese ai piedi del Vesuvio, in Campania.
27mila abitanti circa, residenti in uno dei paesi considerati nella cerchia della periferia di Napoli, che invece rivendicano la loro identità territoriale.

E’ mattina cerco un posto per la colazione, sono alloggiata temporaneamente ad un b&b poco distante per partecipare al FLIP a Pomigliano d’Arco. Salto un locale sull’angolo, è grande e molto elegante. Troppo elegante, non va bene, cerco qualcosa di più cordiale e informale. Ecco che scelgo questo bar-gelateria sulla piazza adiacente la chiesa della Madonna dell’Arco, carino, pulito e ben arredato. Con non molta originalità il locale si chiama Arcogelo, ma è un nome che si fa ricordare!
(LEZIONE 1 – BRANDING)

Il locale troneggia sulla piazza per la sua struttura e i tavolini fuori, tutti bianchi, anche se quello che mi fa votare per la scelta definitiva è il banco dei cornetti e il sorriso di Gennaro che sta sciacquando dei bicchieri.
(LEZIONE 2 – ACCOGLIENZA CLIENTE)

Rispondo al sorriso, ci scambiamo il buongiorno: “Che vuole mangiare?”, ci sono delizie di ogni tipo, dico ridendo “Tutto!” e mentre lui mi dice che i cornetti li riempiono al momento con quello che voglio io, chiama il ragazzo ad aiutare.
(LEZIONE 3 – PUNTI DI FORZA DEL PRODOTTO)

Il giovanotto mi elenca le scelte serio, ma gentile ed efficiente.
(LEZIONE 4 – FORMAZIONE)

Scelgo il cornetto crema e amarena, una combinazione immancabile nella terra del Vesuvio e aggiungo un caffè. Il ragazzo sparisce in cucina, Gennaro sorride, fa un cenno di approvazione e mi liquida con un: “Sedetevi, ci pensiamo noi a portare al tavolo.” Inizia il rito sacro del caffè in Campania.
(LEZIONE 5 – DELIVERY)

In pochi minuti arriva al tavolo il ragazzo con il cornetto e un bicchiere d’acqua.
(LEZIONE 6 – VELOCITA’ NEL SERVIZIO + LEZIONE 7 – INCONTRO ASPETTATIVE DEL CLIENTE)

Il caffè non arriva subito, ma appena finito il cornetto si materializza Gennaro che chiede se è tutto a posto e può portarlo, al mio cenno di assenso svanisce all’interno.
(LEZIONE 8 – VERIFICA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE)

Qualche minuto e torna il ragazzo con la tazzina fumante, un nuovo bicchiere d’acqua e un sfogliatella riccia piccolina in omaggio.
(LEZIONE 9 – SUPERARE LE ASPETTATIVE DEL CLIENTE + LEZIONE 10 – UPSELLING)

Il caffè? Sublime, una crema, la perfezione per la combinazione di sapore, temperatura e tostatura.
(LEZIONE 11 – QUALITA’ DEL PRODOTTO)

Purtroppo è l’ora di andare e passo in cassa a pagare, due euro e cinquanta. Un prezzo giusto, che percepisco assolutamente inadeguato per tutto ciò che ho ricevuto.
(LEZIONE 12 – PREZZO)

Il proprietario fa ringraziare il ragazzo al quale ho lasciato una mancia, Gennaro sorride al mio doveroso complimento sulla bontà del caffè.

Essere persone che fanno il proprio lavoro con passione è il miglior marketing management che io riesca ad immaginare.
Marketing manager de noantri, uscite dalle università, venite a studiare qui.

Grazie Gennaro.