Sabato, 04 Giugno 2022 20:08

Produttività: obiettivo o maledizione?

andreas klassen gZB i dA6ns produttivita min

Uno studio recente ha associato la situazione italiana degli stipendi bassi (in decrescita negli anni - contro i paesi europei che invece hanno trend contrario) alla scarsa produttività. Ovviamente lo studio parla in generale di "produttività" non specifica se produttività dei lavoratori o delle aziende. Ma perché è così importante la produttività?

PRODUTTIVITA' = è il rapporto fra la produzione ed il complesso dei fattori impiegati per tale produzione. Si presenta sotto forma di una frazione il cui numeratore esprime la quantità materiale della produzione esaminata e il cui denominatore rappresenta, invece, l'insieme dei fattori necessari per ottenere tale produzione. (definizione del CNEL)

In altre parole possiamo dire che la produttività ha importanza per ottimizzare il profitto di una azienda, di un libero professionista o anche delle persone comuni. "Essere" produttivi ci permette di fare n determinato lavoro nella maniera più veloce possibile per liberare altro tempo da utilizzare come tempo libero o per altro lavoro.

La produttività di una azienda dipende da tanti fattori, dalla sua organizzazione, dall'efficienza dei processi interni e dagli investimenti che fa sui propri lavoratori. La produttività di un dipendente certamente dipende dalla motivazione e dall'impegno della persona, ma anche dalla formazione, dal ruolo e dagli strumenti forniti per svolgere il lavoro assegnato

Diversa è la produttività di un libero professionista che, pur non avendo una organizzazione e il management, ha bisogno del massimo della produttività per potersi garantire l'adeguato income e il tempo per svolgere le attività.

Per tutte le organizzazioni, siano esse grandi multinazionali, piccole SRL o liberi professionisti, nessuna può esimersi da una voce su cui investire: la "FORMAZIONE". Formazione non solo relativa al core business della propria professione, ma anche e soprattutto formazione su nuove tecnologie e/o time management, performance measurement, team building, etc...

L'errore di fondo in molti casi è pensare che alcune competenze (o come si definiscono oggi "soft skills") siano "on/off": o le hai oppure no. Non è vero, le tecniche di organizzazione del lavoro, delle priorità, del tempo, sono appunto tecniche e possono essere imparate o migliorate o sviluppate.

Vedremo nei prossimi articoli le tecniche per la produttività, nel frattempo... quanto vi sentite produttivi?